Che cos’è l’IoT?

L’Internet of Things (IoT) è il termine usato per descrivere la rete di oggetti che comunicano tra di loro tramite reti IP senza alcuna interazione umana. Gli oggetti dispongono di software, sensori, attuatori, componenti elettronici e connettività di rete per raccogliere dati e scambiarli con gli altri oggetti.

Come si differenzia quindi l’IoT dal più “tradizionale” concetto Machine-to-Machine (M2M)?  La differenza è a livello di IP. Il M2M si concentra principalmente sulla connettività point-to-point su reti mobili o una linea fissa. Le comunicazioni IoT ricorrono alle reti IP e solitamente utilizzano piattaforme cloud o middleware. È per questo motivo che, sebbene il M2M nella sua accezione originale utilizzi macchine ad accesso remoto e si colleghi alla gestione centrale, in realtà riguarda esclusivamente le comunicazioni e non i processi e le applicazioni in senso ampio come invece fa l’IoT.  Il termine “big data” è attualmente molto utilizzato per riferirsi all’enorme quantità di dati generati dalle risorse connesse, la cui programmazione e analisi può favorire le performance aziendali.

IoT

La parola “things” può riferirsi a dispositivi fisici, edifici, veicoli o qualsiasi cosa all’interno della quale possano essere integrati gli oggetti necessari per garantire la connettività. Riassumendo, l’IoT può essere semplicemente suddiviso in tre aree: le “cose”, il modo in cui queste cose si connettono tra di loro e l’analisi dei dati generati.

L’acronimo IoT è ormai divenuto un termine comunemente diffuso tra le aziende, i consumatori e i settori industriali. La tecnologia è presente nella vita di tutti, ma non tutti se ne rendono conto! La “casa connessa”, “l’auto connessa”, “l’Internet of Everything” o “l’Industrial Internet of Things”. Questi termini stanno diventando sempre più comuni, via via che aumenta il loro impatto sul nostro modo di pensare, lavorare e vivere.

Che cos’è il M2M?

La tecnologia M2M riguarda l’interazione tra due macchine. Il coinvolgimento da parte dell’uomo fa raramente parte di questo processo a una o due vie. I dispositivi interagiscono tramite comunicazioni point-to-point. La tecnologia M2M è stata creata per ottimizzare il modo in cui i dati sono acquisiti dai dispositivi fisici per essere incorporati nei sistemi IT, senza dover dipendere dall’intervento dell’uomo durante questo processo. Questa tecnologia si è ora evoluta, sebbene i moderni ambienti commerciali e industriali continuino a dipendere da milioni di connessioni M2M.

Wireless Logic: il nostro ruolo nelle tecnologie IoT e M2M

Questo è il nostro 17° anno nel campo dei servizi gestiti M2M e IoT. Il mercato si è notevolmente evoluto e molte delle applicazioni da noi supportate stanno diventando sempre più intelligenti, basate su IP e connesse ad applicazioni integrate nelle quali i dati lavorano in modo più intenso e intelligente. Qual è il ruolo di Wireless Logic? Si potrebbe dire che forniamo le “tubature”, ovvero la connessione fondamentale tra dispositivo e hub. Tuttavia facciamo molto di più. Reti cellulari, linee fisse, reti satellitari o radio a bassa potenza: la connettività fornita da Wireless Logic è adattata alle esigenze di ciascuna applicazione. Sebbene nel settore la tecnologia M2M sia considerato la “tubatura” e l’IoT l’enabler, il ruolo della connettività di Wireless Logic all’interno di entrambi è fondamentale per il funzionamento delle applicazioni.

Nell’ambito dell’ecosistema M2M/IoT, Wireless Logic è saldamente situata accanto agli sviluppatori di applicazioni e agli integratori di sistemi. Sebbene i loro ruoli definiscano l’architettura software, la scalabilità e l’integrazione per offrire soluzioni in grado di definire il modo in cui un’azienda lavora, è Wireless Logic a garantire comunicazioni sicure e resilienti a due vie.

Per vedere il nostro posizionamento nell’ecosistema M2M IoT fate clic qui.

Secure… by design

Quando si parla di dispositivi connessi, i mezzi di comunicazione citano regolarmente il problema della sicurezza. Hacking delle auto, violazione delle reti aziendali tramite un semplice dispositivo remoto connesso, oppure l’accesso ai dati personali tramite un dispositivo di monitoraggio medico connesso… tutti esempi dei pericoli che minacciano gli sviluppatori di applicazioni via via che il mondo diventa una rete di oggetti connessi a livello globale. Un aspetto fondamentale delle soluzioni Wireless Logic è quindi la sicurezza delle connessioni. Creando una VPN sicura con collegamenti a tutti gli operatori di reti mobili con cui lavoriamo, gli utenti Wireless Logic possono integrare reti di classe enterprise che offrono tempi di attività pari al 99,79% e comunicazioni point-to-point realmente sicure tra le risorse connesse. Grazie a questa infrastruttura, i clienti possono accedere a reti di fascia alta ricche di funzionalità sostenendo solo spese operative, con un investimento di capitale iniziale minimo.

Per maggiori informazioni sulla nostra infrastruttura privata NetPro fate clic qui.

Una gamma di settori sempre più vasta

CSGraphic

Dall’agricoltura alla telematica per veicoli, dall’illuminazione stradale alla sanità mobile, le applicazioni M2M e IoT sono presenti in un numero di settori commerciali e industriali sempre più alto e stanno rendendo più efficienti e sicuri i modelli operativi e aziendali.

Per maggiori informazioni sui settori in cui opera Wireless Logic fate clic qui.

Controllo. Ad ogni passo.

Per gestire migliaia di risorse connesse e garantire performance, operatività e sicurezza, i proprietari necessitano della completa visibilità 24/7 dei dispositivi connessi. Una risorsa che viene rubata, diventa disconnessa oppure decide di generare vari Gb di dati imprevisti è una risorsa che potrebbe rivelarsi molto costosa. È quindi essenziale che il monitoraggio e il controllo delle piattaforme rappresentino una parte integrante dell’ecosistema IoT/M2M. Attraverso la visibilità di ciascuna risorsa, della sua attività, inattività e stato attuale, gli utenti possono favorire prestazioni ottimali, aumentare al massimo il ritorno sull’investimento e essere al corrente delle problematiche da risolvere prima che colpiscano le attività aziendali.

La piattaforma SIMPro di Wireless Logic consente di gestire e visualizzare le risorse SIM connesse su più di 30 reti mobili da un’unica finestra. Dal monitoraggio dell’utilizzo dei dati in tempo reale in abbinamento a NetPro, all’organizzazione di più risorse nei rispettivi centri di costo per semplificare la fatturazione, SIMPro è uno strumento essenziale per la gestione delle risorse IoT/M2M e offre alle aziende notevoli benefici.

Per maggiori informazioni sulla piattaforma fate clic qui.